Archivi categoria: Media

Da “I Viaggi di Nina” a “Ragazze che amano ragazze”. Intervista a Nina Palmieri

Qualche anno fa una giovane filmmaker si avvicinava al mondo delle lesbiche tramite il sito ellexelle. Dai contatti stretti tramite il web e le persone conosciute durante il percorso, nasceva la prima stagione di “I Viaggi di Nina“.
Giovanna Nina Palmieri, oltre a proporre al grande pubblico un formato piuttosto innovativo per il panorama Tv nostrano, ha raccontato per la prima volta in termini continuativi e confidenziali le storie delle lesbiche del nostro Paese.

Il mese scorso è uscito per Mondadori un libro basato su questa esperienza, “Ragazze che amano ragazze“.
Nina Palmieri, grazie a “I Viaggi di Nina”, è diventata una sorta di icona lesbica facendosi “portavoce” di una realtà pressoché invisibile.

Continua la lettura di Da “I Viaggi di Nina” a “Ragazze che amano ragazze”. Intervista a Nina Palmieri

Amori senza diritti: intervista a Mimma Scigliano

Il mese scorso è uscito il libro “Amori senza Diritti. Storie di coppie omosessuali con figli“, per la casa editrice Zona.
Si tratta di un volume molto ricco e onesto, tramite il quale è possibile conoscere un mondo forse ancora poco indagato.

Abbiamo fatto alcune domande all’autrice, Mimma Scigliano.
Continua la lettura di Amori senza diritti: intervista a Mimma Scigliano

Le lesbiche tornano in TV con The Real L Word

Tra qualche giorno il canale televisivo americano Showtime presenterà un nuovo show la cui executive producer è nientemeno che la cara, vecchia Ilene Chaiken, già creatrice di The L Word. A giudicare dai promo che sono già in circolazione nel Web si tratta di un evento piuttosto atteso, visto che è il primo reality show le cui protagoniste sono tutte lesbiche.

Il richiamo a The L Word, conclusosi un anno fa alla sesta stagione, è fortemente voluto: The L Word era ambientato a Los Angeles dove, tra locali alla moda, auto pazzesche e piscine nelle quali nessuno avrebbe mai osato fare la pipì, si raccontavano le vite di queste donne mozzafiato che non conoscevano il precariato in nessuna delle sue epifanie terrene (né al lavoro, né in banca né a letto, per intenderci). L’inserimento della parola “real” rappresenta il tentativo di portare tutto questo al livello successivo, raccontando la vita di vere donne lesbiche.

Continua la lettura di Le lesbiche tornano in TV con The Real L Word