Archivi categoria: Comunità

Omofobia, “It gets better”? Non in Italia. Perché siamo una comunità pigra…

Quello che vedete qui sotto è uno dei – tanti – video appartenenti al progetto It Gets Better, risposta tutta americana ai numerosi (e sempre più preoccupanti) casi di suicidio fra i giovani gay degli Stati Uniti colpiti dal bullismo scolastico legato all’omofobia.

Un problema che sta scuotendo l’opinione pubblica tanto da spingere anche il Segretario di Stato americano Hillary Clinton a rilasciare una videodichiarazione che noi omosessuali italiani, senza dubbio, possiamo a malapena sognarci. E che – forse – non ci meritiamo nemmeno.

Perché? Perché in Italia un progetto come “It Gets Better” non sarebbe mai potuto nascere.

Continua la lettura di Omofobia, “It gets better”? Non in Italia. Perché siamo una comunità pigra…

New York Pride 2010: non solo orgoglio, ma orgoglio GAY

Quest’anno, per la prima volta, ho partecipato a un Gay Pride fuori dai confini nazionali. La meta è d’eccezione: New York, capitale del “tutto è possibile” e origine della storica ribellione di Stonewall.

Le aspettative erano tante, con la curiosità di vedere – a distanza di 40 anni dal Pride numero 1 – cosa riuscissero a organizzare sti americani.

Il concentramento era previsto per le ore 12 sulla 5th Avenue all’altezza della 50esima strada: negli anni scorsi la partenza era più su, vicino a Central Park, ma la crisi si sente anche qua e non ci sono stati abbastanza soldi per pagare il servizio di polizia per un tratto di strada più lungo.

Dopo aver mangiato qualcosa, verso le 12 e 30 mi sono diretto verso il corteo. Sulla strada ho incontrato le prime persone con bandierine arcobaleno e ventagli sponsorizzati: oggi a New York ci sono 34 gradi e un tasso di umidità prossimo al 100%… qualsiasi sistema per abbassare la temperatura è lecito.

Continua la lettura di New York Pride 2010: non solo orgoglio, ma orgoglio GAY

Napoli Pride 2010: un successo oltre le aspettative

“Alla luce del sole”. E’ questo lo slogan che il comitato organizzatore ha scelto per il primo Pride nazionale svoltosi a Napoli il 26 Giugno. Un evento di cui probabilmente parleranno diverse generazioni di napoletani (e non solo) visto che costituisce un unicum nella storia del capoluogo campano e in quella del movimento LGBT italiano.

“Alla luce del sole”, nonostante la pioggia che ha graziosamente incorniciato questo Pride, precipitando solo all’inizio e alla fine della parata, spazzando via il caldo e refrigerando i partecipanti – alla faccia delle malelingue e di chi presagiva l’arrivo imminente dei monsoni.

Alle 9:30, diciassette carri vengono predisposti in coda in Piazza Cavour: la piazza “lunga” che traccia il confine tra il centro storico e la Sanità, uno dei quartieri popolari più poveri e vivaci di Napoli.

Continua la lettura di Napoli Pride 2010: un successo oltre le aspettative

Roma Pride 2010, il video: quando sono i gay stessi a prenderci in giro

Quando si dice “promozione d’impatto”, non c’è che dire.

Nonostante le faide e le diatribe, i veti incrociati, gli insulti più o meno velati fra i protagonisti delle associazioni, avevate ancora voglia di partecipare al Pride di Roma del 2010?

Niente paura: ci pensa il video promozionale ufficiale a farvi passare ogni stimolo alla partecipazione. Caricato giusto ieri sul canale di Youtube del RomaPride2010, il video è un tale concetrato di pressapochismo, luoghi comuni e autodiscriminazioni da essere non solo completamente inefficace, ma addirittura offensivo.

Continua la lettura di Roma Pride 2010, il video: quando sono i gay stessi a prenderci in giro

Pride Torino 2010: manifestazione della sobrietà

Dopo quello milanese, il 19 giugno 2010 è arrivato il turno del Pride regionale di Torino, intitolato “I diritti sono il nostro Pride“. La manifestazione di un orgoglio delle minoranze, schiacciate dal cielo grigio di un’anomala giornata di nuvole e pioggia nel capoluogo piemontese. Alle 3 e mezza del pomeriggio la città, come succede forse una sola volta all’anno da questa parti, prende vita.

Se il pride di Milano è quello delle assenze, quello torinese è il Pride della partecipazione (si contano quasi 50 mila presenze), ma è anche quello laterale, della gente che come ogni sabato affolla i portici delle vie centrali della città (via Cernaia, via Pietro Micca, Piazza Castello, via Pò, Piazza Vittorio). Sorrisi compiaciuti, commercianti fuori dai negozi, famiglie affacciate alle porte con la loro partecipazione viva, visibile e concreta. La nuova dirigenza Roberto Cota è stata certamente “motivante”.

Continua la lettura di Pride Torino 2010: manifestazione della sobrietà